Concessioni di asilo e protezione nell’Ue

maggio 2015

Circa 185.000 nel 2014, +50% rispetto al 2013; oltre 750.000 dal 2008

Dopo aver pubblicato i dati sulle domande d’asilo presentate nel 2014 (vedi euronote n. 90, pag. 4), Eurostat ha ora reso noti quelli relativi alle decisioni sull’asilo. Gli Stati membri dell’Ue hanno concesso protezione a circa 185.000 persone lo scorso anno, con un aumento di quasi il 50% rispetto al 2013. Dal 2008 è stato concesso lo status di protezione nell’Ue a più di 750.000 richiedenti asilo.

Il più grande gruppo di beneficiari dello status di protezione nei Paesi dell’Ue nel 2014 è rimasto quelli dei cittadini siriani (68.400 persone, cioè il 37% del totale delle persone cui è stata concessa protezione), seguito a distanza dal gruppo dei cittadini eritrei (14.600 o 8%) e da quello dei cittadini afghani (14.100 o 8%). Insieme, questi tre gruppi di cittadinanze hanno rappresentato oltre la metà di tutte le persone cui è stato riconosciuto lo status di protezione nell’Ue nel corso del 2014.

In particolare, il gruppo dei cittadini siriani che hanno ottenuto protezione nell’Ue è quasi raddoppiato rispetto al 2013 e quadruplicato dal 2012, rappresentando nel 2014 il più grande gruppo nazionale di beneficiari di protezione in quasi la metà degli Stati membri. Dei 68.400 siriani cui è stato riconosciuto lo status di protezione nell’Ue, oltre il 60% l’ha ottenuto in due Stati membri: Germania (25.700) e Svezia (16.800). Più di tre quarti dei 14.600 eritrei cui è stata concessa protezione sono stati registrati in tre soli Paesi dell’Ue: Svezia (5.300), Paesi Bassi (3.600) e Regno Unito (2.300), mentre delle 14.100 protezioni riconosciute a cittadini afghani 5.000 sono state concesse in Germania e 2.400 in Italia.

Circa due terzi delle protezioni complessive del 2014 sono stati concessi in soli quattro Stati membri dell’Ue: Germania (47.600, con un aumento dell’82% rispetto al 2013), Svezia (33.000, + 25%), Francia (20.600, + 27%) e Italia (20.600, + 42%).

Delle 185.000 persone che hanno ottenuto protezione nel 2014 nei 27 Stati membri dell’UE per i quali i dati sono disponibili (mancano quelli dell’Austria), 104.000 persone hanno ottenuto lo status di rifugiato (56% di tutte le decisioni positive), 61.000 protezione sussidiaria (33%) e 20.000 autorizzazione di soggiorno per ragioni umanitarie (11%). Inoltre, gli Stati dell’Ue hanno ricevuto quasi 6.500 rifugiati reinsediati.

Va ricordato che mentre lo status di rifugiato e quello di protezione sussidiaria sono definiti dal diritto comunitario, lo status di protezione umanitaria è concesso sulla base delle legislazioni nazionali.

Dai dati di Eurostat emerge come nel 2014 il tasso di riconoscimento dei richiedenti asilo, vale a dire la percentuale di decisioni positive sul numero totale di decisioni, è stato mediamente nell’Ue del 45% per le decisioni di primo grado e del 18% per quelle finali in appello; tra gli Stati membri in cui hanno avuto esito positivo oltre i tre quarti delle decisioni, Bulgaria (94%), Svezia (77%) e Cipro (76%) per il primo grado e Bulgaria (86%), Italia (84%) e Finlandia (79%) per le decisioni finali in appello.

INFORMAZIONI
91euronote-asilo

Comments are closed.

Tag Cloud

Cerca in Euronote

Ricerca per data