Europa 2020: la situazione

marzo 2015

Uno studio di Eurostat mette in luce progressi e ritardi sugli obiettivi

Luci ed ombre sullo stato di attuazione della strategia Europa 2020 sono state messe in evidenza da uno studio pubblicato a inizio marzo da Eurostat, che presenta la situazione attuale dell’Ue mostrando i progressi compiuti dal 2008 al 2014 e la distanza ancora da coprire per il raggiungimento degli obiettivi principali della strategia europea.

In estrema sintesi, dal 2008 sono stati fatti notevoli progressi soprattutto in materia di cambiamenti climatici ed energia (attraverso la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e l’aumento dell’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili) e nel settore dell’istruzione (con l’aumento del tasso di istruzione terziaria e la riduzione del numero di abbandoni prematuri dei cicli di istruzione e formazione). Viceversa, si sono registrati progressi più limitati per quanto concerne il livello di spese in ricerca e sviluppo (R&D), mentre è addirittura aumentata la distanza dagli obiettivi della strategia in materia di livelli di occupazione e di lotta alla povertà e all’esclusione sociale.

La strategia Europa 2020, adottata dal Consiglio europeo nel giugno 2010, mira al raggiungimento di una crescita «intelligente, sostenibile e inclusiva», con alti livelli di occupazione, produttività e coesione sociale. Gli obiettivi chiave della strategia sono espressi sotto forma di cinque traguardi ambiziosi in materia di occupazione, ricerca e sviluppo, istruzione, cambiamenti climatici ed energia, riduzione della povertà, da raggiungere appunto entro il 2020. Questi sono poi stati tradotti in obiettivi nazionali, per riflettere la situazione e le possibilità di ciascuno Stato membro nel contribuire all’obiettivo comune.

Con il suo studio Eurostat ha offerto una panoramica della situazione di realizzazione della strategia attraverso un insieme di nove indicatori principali e quattro sotto-indicatori. La pubblicazione contiene un capitolo per ciascuno dei cinque obiettivi principali della strategia Europa 2020. Lo scopo del Rapporto, precisa Eurostat, non è tanto quello di prevedere se l’Ue sarà in grado di raggiungere gli obiettivi entro il 2020, ma piuttosto di aiutare a comprendere i fattori che hanno determinato i cambiamenti osservati finora, fornendo ulteriori statistiche correlate.

INFORMAZIONI
euronote89-tab-2020

Comments are closed.

Tag Cloud

Cerca in Euronote

Ricerca per data