Popolazione Ue a 507,4 milioni

luglio 2014

Continua ad aumentare la popolazione dell’Unione europea, soprattutto grazie a un saldo migratorio positivo

All’inizio del 2014 la popolazione dell’Unione europea ha raggiunto i 507,4 milioni, con un incremento rispetto ai 505,7 del 2013 dovuto a un saldo naturale di 80.000 unità e un saldo migratorio di 700.000. Secondo le rilevazioni di Eurostat, la popolazione dei Paesi che compongono l’Ue è aumentata di circa 100 milioni rispetto al 1960 (da 407 a 507 milioni).

Nel 2013 sono nati 5,1 milioni di bambini nell’Ue, con un tasso di natalità del 10 per 1000 (in calo dal 10,4‰ nel 2012). I più alti tassi di natalità sono stati registrati in Irlanda (15‰), Francia (12,3‰), Regno Unito (12,2‰), Svezia (11,8‰) e Lussemburgo (11,3‰), i più bassi in Portogallo (7,9‰), Germania, Grecia e Italia (tutti 8,5‰) e Romania (8,8‰).

Sempre nel 2013 si sono registrati nell’Ue 5 milioni di morti, con un tasso di mortalità del 9,9 per 1000 abitanti e i tassi più elevati rilevati in Bulgaria (14,4‰), Lettonia (14,3‰), Lituania (14‰) e i più bassi a Cipro (6‰), in Irlanda (6,5‰), Lussemburgo (7‰) e Malta (7,6‰).

Di conseguenza, il più alto saldo naturale positivo della popolazione (differenza tra nuovi nati e morti) è stato registrato in Irlanda (+8,5‰), seguita da Cipro (+4,7‰), Lussemburgo (+4,2‰), Francia (+3,6‰) e Regno Unito (+3,2‰); tredici Stati membri hanno invece registrato un saldo naturale negativo, soprattutto Bulgaria (-5,2‰), Lettonia (-4,0‰), Lituania (-3,9‰), Ungheria (-3,6‰), Romania (-3,5‰) e Germania (-2,6‰).

Per quanto riguarda invece il saldo migratorio, nel 2013 Lussemburgo (+19‰), Malta (+7,6‰), Svezia (+6,8‰) e Austria (+6,5‰) hanno registrato i saldi migratori positivi più elevati, mentre Cipro (-13,9‰), Lettonia (-7,1‰), Lituania (-5,7‰), Irlanda (-5,6‰), Spagna (-5,5‰) e Grecia (-4,7‰) hanno rilevato i più elevati saldi negativi.

Complessivamente, quindi, nel 2013 la popolazione è aumentata in 15 Stati membri ed è diminuita in 13. I maggiori incrementi sono stati osservati in Lussemburgo, Malta, Svezia, Austria, Regno Unito e Danimarca, mentre le maggiori diminuzioni hanno riguardato Lettonia, Lituania, Cipro, Grecia, Portogallo, Bulgaria e Spagna.

Tabella 3

Fonte: Eurostat, 10 luglio 2014


Comments are closed.

Tag Cloud

Cerca in Euronote

Ricerca per data