Migliora l’innovazione nell’Ue ma in modo diseguale

marzo 2014

L’Unione europea sta colmando il divario sul piano dell’innovazione con gli Stati Uniti e il Giappone, tuttavia persistono forti differenze tra gli Stati membri sul piano della resa innovativa, mentre a livello regionale il gap dell’innovazione si sta allargando e in quasi un quinto delle regioni dell’Ue il rendimento innovativo è peggiorato. È quanto emerge dal Quadro di valutazione L’Unione dell’innovazione 2014 pubblicato dalla Commissione europea. Tra i Paesi dell’Ue la Svezia è in posizione di punta, seguita da Danimarca, Germania e Finlandia, i quattro Paesi che investono maggiormente nella ricerca e nell’innovazione. Il Portogallo, l’Estonia e la Lettonia sono i Paesi che hanno registrato i maggiori miglioramenti. Gran parte dei progressi, osserva la Commissione, sono stati determinati dall’apertura e dall’attrattiva del sistema di ricerca dell’Ue nonché dalla collaborazione all’innovazione aziendale e dalla commercializzazione dei saperi, come risulta da una misurazione basata sugli introiti di provenienza estera per licenze e brevetti. Tuttavia, la crescita della spesa pubblica per ricerca e sviluppo (R&S) è stata controbilanciata da un calo degli investimenti di capitali di rischio e degli investimenti per l’innovazione non R&S nelle imprese.

La valutazione L’Unione dell’Innovazione 2014 classifica gli Stati membri in quattro diversi gruppi di prestazioni:

Danimarca, Finlandia, Germania e Svezia sono «Leader dell’innovazione», poiché la loro resa innovativa è ben al di sopra della media Ue;

Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Francia, Irlanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Slovenia e Regno Unito sono «Paesi che tengono il passo», poiché la loro resa innovativa è superiore o vicina alla media dell’Ue;

Croazia, Repubblica Ceca, Grecia, Ungheria, Italia, Lituania, Malta, Polonia, Portogallo, Slovacchia e Spagna sono «Innovatori moderati» perché si situano al di sotto della media Ue.

Bulgaria, Lettonia e Romania sono «Paesi in ritardo», poiché le loro prestazioni sul piano dell’innovazione sono di gran lunga al di sotto della media unionale.

INFORMAZIONI

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.

Tag Cloud

Cerca in Euronote

Ricerca per data