Usare il web per riconnettere istituzioni e cittadini

febbraio 2014

«Dobbiamo cogliere l’opportunità di riconnettere, grazie a Internet, le istituzioni democratiche con i cittadini che si sono allontanati da esse e dobbiamo sviluppare, in particolar modo nei nostri Parlamenti, le capacità e le competenze necessarie per sfruttare questo vantaggioso potenziale»: questo l’orientamento espresso dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, organismo costituito da 47 Stati membri di cui 28 fanno anche parte dell’Unione europea.

Secondo il Consiglio d’Europa è necessario accrescere la capacità delle istituzioni politiche, e soprattutto di quelle parlamentari, di utilizzare le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione per «migliorare la trasparenza dei processi decisionali e il dialogo con i cittadini».

La risoluzione adottata dall’organismo paneuropeo segnala anche come il web accresca i rischi di abuso e le derive che possono mettere a repentaglio i diritti dell’uomo, lo stato di diritto e la democrazia: «Dobbiamo impedire che la rete divenga una zona di non diritto, uno spazio dominato da poteri nascosti in cui sarebbe impossibile attribuire responsabilità in modo chiaro».

L’autoregolamentazione, sostiene il Consiglio d’Europa, è indispensabile per garantire la neutralità di Internet e per questo dovrebbe essere stimolata, tuttavia sembra non essere sufficiente. A tal proposito sono quindi state proposte alcune misure quali l’elaborazione di una regolamentazione coerente e/o l’incentivazione di un’autoregolamentazione relativa alla responsabilità dei grandi operatori di Internet, nonché di sostenere la redazione di un Libro bianco del Consiglio d’Europa su “Democrazia, politica e Internet”.

INFORMAZIONI :
http://hub.coe.int/it/

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.

Tag Cloud

Cerca in Euronote

Ricerca per data