Più diritti riconosciuti ai rifugiati

ottobre 2011

Il Parlamento europeo ha approvato, il 27 ottobre, la proposta di modifica della direttiva qualifiche presentata dalla Commissione, destinata a rafforzare i diritti dei rifugiati e dei beneficiari di protezione sussidiaria nell’Unione europea. La direttiva garantisce diritti uniformi per quanto riguarda l’assistenza sanitaria e l’accesso al mercato del lavoro.

Nell’ottobre 2009 la Commissione aveva presentato una proposta di rifusione della direttiva sulla qualifica e sullo status delle persone bisognose di protezione internazionale. La proposta di modifica si prefigge di chiarire alcuni importanti concetti, quali «soggetti che offrono protezione», «protezione all’interno del Paese d’origine» o «appartenenza ad un determinato gruppo sociale», per consentire alle autorità nazionali di applicare i criteri in modo più fermo e di identificare più rapidamente le persone bisognose di protezione. Inoltre, la Commissione ha proposto di ravvicinare i diritti concessi ai rifugiati e ai beneficiari di protezione sussidiaria, in particolare per quanto riguarda la durata dei permessi di soggiorno e l’accesso all’assistenza sociale, all’assistenza sanitaria e al mercato del lavoro. Questo comporterà anche una riduzione dei costi e degli oneri amministrativi richiesti dalla gestione di status di protezione diversi.

Il testo approvato dall’Europarlamento, frutto di un accordo raggiunto nel giugno scorso tra Parlamento e Consiglio dell’Ue, comprende alcuni elementi fondamentali:

•  il chiarimento di vari concetti, per tenere conto della giurisprudenza consolidata della Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo;

• l’impegno a tenere conto dell’interesse superiore del minore e delle considerazioni di genere nella valutazione delle domande di asilo e nell’applicazione delle norme sul contenuto della protezione internazionale;

• il ravvicinamento dei diritti concessi ai rifugiati e ai beneficiari di protezione sussidiaria per quanto riguarda l’accesso all’occupazione e all’assistenza sanitaria;

• l’estensione a due anni del periodo di validità del permesso di soggiorno rilasciato a un beneficiario di protezione sussidiaria in occasione del rinnovo del permesso di soggiorno iniziale, in seguito alla concessione dello status.

INFORMAZIONI:

http://ec.europa.eu/dgs/home-affairs/index_en.htm

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.

Tag Cloud

Cerca in Euronote

Ricerca per data