Integrazione europea di nuovi Stati

ottobre 2011

La Commissione europea, nel consueto pacchetto annuale di Relazioni di monitoraggio del processo di allargamento dell’Ue, ha raccomandato l’apertura dei negoziati con il Montenegro e il conferimento dello status di Paese candidato alla Serbia. «Il processo di allargamento – ha dichiarato il commissario europeo competente Stefan Füle – favorisce le riforme nei Paesi interessati e contribuisce a creare un’Europa più stabile e prospera. Il potere del processo di allargamento di operare trasformazioni invia un forte messaggio di speranza in un momento così difficile, sia per gli Stati membri dell’Unione europea che per i Paesi dell’allargamento».

La Commissione ha rilevato i progressi compiuti nei Balcani occidentali facilitati dall’arresto degli ultimi latitanti assicurati al Tribunale per i crimini commessi nella ex Yugoslavia (Goran Hadžic’ e Ratko Mladic) e dalla ripresa del dialogo tra Pristina e Belgrado che sta dando i primi risultati e deve proseguire in modo costruttivo. La Commissione valuta positivamente anche lo sforzo compiuto dal Montenegro sulla strada delle riforme e conferma la sua raccomandazione relativa all’avvio dei negoziati con la ex Repubblica iugoslava di Macedonia.

Le principali criticità rilevate rispetto all’area Balcani riguardano Albania e Bosnia Erzegovina, in merito a Stato di diritto, riforme economiche e cooperazione regionale. Altre preoccupazioni sono state espresse dalla Commissione in merito ai negoziati con la Turchia, fermi da ormai un anno sulle stesse questioni e sui quali si allunga l’ombra di nuove tensioni tra Turchia e Cipro.

Decisamente più positivo il quadro del negoziato con l’Islanda, rispetto al quale la Commissione «confida che questioni fondamentali come la pesca e la tutela dell’ambiente possano essere affrontate in modo costruttivo».

INFORMAZIONI: http://ec.europa.eu/enlargement

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.

Tag Cloud

Cerca in Euronote

Ricerca per data