Eurobarometro sulla formazione professionale

ottobre 2011

La formazione e l’istruzione professionale nell’Ue godono di un’immagine positiva, ma ulteriori sforzi sono necessari per migliorarne l’impatto garantendo maggiore mobilità a studenti, diplomati e docenti e offrendo servizi di orientamento più efficaci. È quanto emerge da un sondaggio Eurobarometro che ha coinvolto circa 27.000 cittadini europei di tutti gli Stati membri dell’Ue.

Il 71% degli intervistati ha dichiarato di avere una percezione positiva della formazione professionale: le ragioni di tale positività risiedono nella qualità dell’apprendimento offerto, nella competenza e nel livello di preparazione dei docenti e nella qualità e «modernità delle strutture». L’82% degli intervistati ritiene, poi, che la formazione professionale fornisca le competenze più ricercate dai datori di lavoro; molto alta è anche la percentuale di coloro che sostengono che la formazione professionale sia una «chiave di ingresso verso professioni richieste sul mercato del lavoro» (73%) e «ben retribuite» (55%).

Secondo il 36% degli intervistati l’istruzione e la formazione professionale stimolano la creazione di piccole imprese e il 48% ritiene che incoraggino comportamenti rispettosi dell’ambiente. Una consistente maggioranza degli intervistati attribuisce poi alla formazione professionale un ruolo importante nella riduzione della disoccupazione (76%) e nella creazione di servizi di qualità (80%).

Le criticità più importanti rilevate dall’indagine sono: la possibilità per gli studenti e i diplomati della formazione professionale di svolgere parte del loro percorso formativo o professionale in un altro Stato membro (circa un terzo degli intervistati ritiene questa opportunità non accessibile), l’efficacia dei servizi di orientamento e, soprattutto tra gli intervistati più giovani, una certa “diffidenza” verso questo tipo di percorsi formativi ai quali si continua a preferire l’istruzione secondaria generale: meno della metà di tutti gli intervistati di età compresa fra i 25 e i 39 anni e tra i 40 e i 54 anni è dell’avviso che i giovani ricevano un orientamento professionale adeguato e soltanto il 27% degli intervistati di età compresa tra i 15 e i 24 anni consiglierebbe a un coetaneo l’istruzione e la formazione professionale.

INFORMAZIONI:

http://ec.europa.eu/public_opinion

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.

Tag Cloud

Cerca in Euronote

Ricerca per data