Europa sempre più “vecchio” continente

febbraio 2010

La popolazione dell’Ue continuerà a crescere in oltre la metà delle regioni europee tra oggi e il 2030 secondo le proiezioni demografiche rese note da Eurostat, ma si tratterà di una popolazione sempre più vecchia. Le stime dell’Ufficio statistico dell’Ue, infatti, prevedono che l’età media nelle regioni europee passerà dall’attuale raggio di variabilità compreso tra i 32,9 e i 47,8 anni a un raggio stimato nel 2030 tra i 34,2 e i 57 anni. Così, si prevede che la quota di popolazione ultrasessantacinquenne salirà dall’attuale range 9,1-26,8% a percentuali comprese tra il 10,4% e il 37,3%. Questo comporterà naturalmente variazioni sensibili del tasso di dipendenza, cioè del rapporto tra popolazione over65 e popolazione in età lavorativa (15-64 anni). Si stima infatti che nel 2030 il tasso di dipendenza nell’Ue passerà dall’attuale 25,4% al 38%: il che significa che mentre oggi 100 persone in età lavorativa supportano 25 persone over65, nel 2030 dovranno supportarne 38. Complessivamente, stima Eurostat, in oltre la metà delle 281 regioni europee il tasso di dipendenza è destinato a crescere nei prossimi 20 anni di oltre 13 punti percentuali.

INFORMAZIONI: http://epp.eurostat.ec.europa.eu

Tags: , ,

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.

Tag Cloud

Cerca in Euronote

Ricerca per data