Dubbi tedeschi sul Trattato

luglio 2009

La Corte Costituzionale della Germania ha osservato che il Trattato di Lisbona è in linea di massima compatibile con la Costituzione tedesca, tuttavia in alcuni articoli potrebbe ledere la sovranità e le competenze del Parlamento federale, il Bundestag. Per questo, secondo la Consulta federale, il Parlamento tedesco dovrebbe adottare una legge nazionale che difenda i suoi poteri e garantisca che la sua competenza non venga erosa in futuro dalle autorità europee. Solo in questo modo il nuovo Trattato dell’Ue sarà compatibile con la Costituzione tedesca e quindi potrà essere adottato dalla Germania, che per ora posticipa dunque l’atto finale della ratifica che prevede la firma del capo dello Stato dopo che il Parlamento federale aveva ratificato a larga maggioranza. La coalizione di governo avrà ora meno di tre mesi di tempo per varare una legge che sblocchi il processo di ratifica: il 27 settembre si svolgeranno infatti in Germania le elezioni federali. Resta il fatto che questo intoppo alla ratifica del Trattato di Lisbona da parte dell’europeista Germania può alimentare gli impulsi “euroscettici” di Paesi come la Repubblica Ceca, il cui presidente Vaclav Klaus contrario all’integrazione europea non ha ancora firmato il Trattato, o dell’Irlanda dove deve svolgersi un nuovo referendum per la ratifica del Trattato dopo il fallimento di quello di un anno fa.

Tags: , ,

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.

Tag Cloud

Cerca in Euronote

Ricerca per data